SEO (Search engine optimization)

  1. Seo definizione
  2. Seo e sem
  3. Posizionamento motori di ricerca
  4. Search engine results page
  5. Cosa sono gli snippet nella SEO?
  6. Che cosa sono le parole chiave
  7. Primi passi nella seo
  8. Url seo friendly
  9. Seo acronimo “Search engine optimization”

Seo definizione

La Seo o Search Engine Optmization è una materia interdisciplinare che studia prevalentemente gli algoritmi dei motori di ricerca e la conseguente formazione delle serps.

La serp rappresenta la classifica di Snippet (annunci) non a pagamento come risultato di una interrogazione al motore di ricerca per una determinata query.

Seo e sem

Che differenza c’è tra seo e sem? Seppure in alcuni casi la SEO venga inclusa nella SEM (Search Engine Marketing), la seo tratta i soli motori di ricerca relativamnete alposizionamento organico.

Sem, due strumenti degni di nota per attività sui motori di ricerca a pagamento dette (PPC) legate al colosso di Mountain View, sono:

  • Google Adwords
  • Google Shopping

Google AdWords è il programma pubblicitario online di Google basato sul CPC costo per click. Posto un budget e una lista di parole chiave Google adwords pubblica gli annunci in funzione della query di ricerca posizionandoli in base all’offerta che varia a seconda dell’offerente, gli annunci a pagamento si contraddistinguono dal suffisso Ann.

Google Shopping utilizza la stessa idea di base ad asta per la pubblicazione, gli annunci però non sono testuali ma grafici, immagine più nome prodotto e prezzo etc.

Le campagne a pagamento CPC di Adword o Google Shopping non hanno effetti diretti sulla SEO, tuttavia le attività di marketing e quindi anche le su citate hanno effetti indiretti sulla SEO. Es. fare una campagna Radiofonica ha effetti sulla SEO in quanto gli ascoltatori vi ricercheranno successivamente sui motori di ricerca.

Posizionamento motori di ricerca

Volendo semplificare, il posizionamento sui motori di ricerca è organico/naturale quando non è a pagamento. Il posizionamento sui motori di ricerca avviene su tre fasi: .

  • Scansione della risorsa attraverso spider;
  • Indicizzazione della risorsa URL nell’indice del motore di ricerca;
  • Pubblicazione dei dei risultati in serp

Ci sono vari sistemi per verificare il posizionamento organico:

1) Effettuare una ricerca direttamente sul motore;
2) Analizzare la Google Search Console;
3) Utilizzare uno dei tanti tools prevalentemente a pagamento disponibili sul web, Semrush Seozoom etc etc.

Tra addetti ai lavori gira una massima che recita così “se hai un morto da nascondere mettilo dopo la 3 pagina che li sei sicuro che nessuno lo trova” questo la dice lunga…

Search engine results page

Esistono principalmente 2 serps la mobile e la desktop, che a sua volta si dividono in serp deputate alle immagini, news e video.

La serp desktop è riservata ai laptop e desktop, mentre la serp mobile è riservata ai soli dispositivi mobili. Google pone una netta distinzione tra le 2 serp: la serp mobile favorisce i web-site che offrono UX ottimizzate per il mobile, caratteri, template responsivi, al punto di aver sviluppato una particolare architettura proprietaria per lo sviluppo di pagine html dedicate al mobile le AMP.

Che cosa sono gli snippet nella SEO?

Dopo aver effettuato una ricerca su Google vengono visualizzati degli annunci, un occhio poco attento potrebbe non cogliere le differenze tra i vari snippets , se ne contano almeno di 2 tipi a pagamento e 6 organici, i primi due sono prodotti da:

    • Adwords è uno strumento di Google, stabilito un budget giornaliero e un insieme di query di ricerca Google Adwords pubblica i tuoi annunci in risposta alle parole chiave selezionate, il costo è a CPC (costo per click) ed è stabilito attraverso un’ asta tra gli inserzionisti, segue uno stralcio di uno snippet di Adword:

  • Google Shopping segue la stessa logica di Adwords in quanto alla modalità di attribuzione del costo, ma si differenzia dal fatto che gli snippet non vengano visualizzati in funzione delle query di ricerca scelte ma dal nome del prodotto e la rappresentazione non è sottoforma di annuncio testuale ma misto, solitamente troviamo un’immagine prodotto, il nome del prodotto ed il prezzo, segue un esempio:

Non-paying organic results deriving from SEO activities are:

  • Organic Snippets , composed of short texts and a link that refers to the resource’s URL, represent the most classic of snippets, an example of Google’s snake follows:

  • Future snippet, sono degli annunci generati in completa libertà da Google, tendono a premiare pagine html fortemente aderenti e disambiguate attraverso la selezione di informazioni reperite da fonti come DBpedia o altre base dati relazionali quail RDF, l’esempio riportato è relativo a Wikipedia:

  • Google gallery , presented in serp in the form of a gallery of images. The growing habit of users to use image search requires their recognition to BOTs through METATAG-ALT and microformats .

  • Google News, sono degli snippet organici spesso di fonti giornalistiche usualmente con un loro alter ego in AMP, si presentano in serp circoscritti da un riquadro con all’interno un’immagine, il titolo e l’anzianità dell’articolo, questi snippet per la loro natura giornalistica tendono ad essere difficilmente scalati in serp per il forte trust delle fonti.

  • Google Business è un servizio di Google rivolto alle imprese ed è gratuito. Il suo scopo è di far emergere, attraverso una ricerca, le aziende locali che rispondano alla query selezionata, si parla quindi di geolocalizzazione della ricerca, lo user infatti verrà geolocalizzato in modo da restringere la ricerca alle sole aziende nelle vicinanze. Ai fini SEO, la creazione della interfaccia di Google business dovrà tener conto delle query di ricerca di interesse dell’azienda, potrà inoltre essere estesa a sedi secondarie purché ci sia un indirizzo fisico/casella postale per la ricezione della notifica da parte di Google. Infine le recensioni/valutazioni poste sulla scheda Google Business sono dei Google ranking signals.

  • Rich snippet, sono snippet arricchiti di microformati, quest’ultimi sono implementabili in vari formati tra cui Microdata, RDFa(Resource Description Framework in Attributes) e JSON-LD. In questa guida di introduzione alla SEO ci soffermeremo esclusivamente sul modello ld-json tecnologia particolarmente promossa da Google. Lo scopo dei Rich snippet è quello di migliorare l’esperienza dello user sui motori di ricerca fornendo, fin da subito maggiori elementi riconoscitivi, se ad esempio cercassimo una ricetta. I rich snippet si presenterebbero come quì di seguito:

  • Lo stesso vale per un rich snippet “evento” ad esempio un concerto:

C’è tantissima letteratura a riguardo sul web ti consiglio di vedere:Rich snippet by Google

Che cosa sono le parole chiave?

Le parole chiave sono combinazioni di termini che vengono utilizzati dagli utenti per interrogare i motori di ricerca, per esempio “SEO” è una query di ricerca come “SEO microformati”, nel primo caso la query è più generica che nel secondo.

Ad ogni parole chiave corrisponde un traffico potenziale che equivale al numero di richieste mensili eseguite sul motore di ricerca, conoscere queste informazioni è di primaria importanza per capire l’interesse del mercato sui nostri prodotti e/o servizi.

Url seo friendly

Un fattore di sicura importanza ai fini SEO è il passaggio da URL parametriche al URL seo friendly.

Primi passi nella seo

L’analisi delle parole chiave o query di ricerca rappresenta il primo passo per chi intende intraprendere un percorso SEO sul proprio progetto.

L’analisi delle parole chiavi ha principalmente l’obbiettivo di:

  1. Individuare le parole chiavi utilizzate dagli utenti per ricercare il tuo prodotto/servizio;
  2. calcolare i volumi di ricerca per ogni singola parole chiave;
  3. verificare la concorrenza delle parole chiavi.

Seo acronimo “Search engine optimization”

Il solo Google ogni giorno riceve oltre 7.000.000.000 (settemiliardi) di interrogazione, quindi conoscere come e in che misura le persone ricercano anche i tuoi prodotti/servizi sarebbe già questo un ottimo motivo per intraprendere una SEO .

Ma quali sono i motivi del successo di Google? Fondato da Sergey Brin e Larry Page nel 1998, Google fin da l’inizio impiegò un algoritmo che valutava l’autorevolezza di un web-site in funzione dei link in ingresso favorendolo in serp.

Questo modello spazzò via letteralmente la concorrenza offrendo risultati estremamente aderenti alle query selezionate. Nella nostra breve guida alla SEO analizzeremo quali altri fattori di rank oggigiorno Google considera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *